Archive for CoMuNiCaNdO

Grazie.

Non voglio deragliare il tema del mio blog.

Voglio semplicemente trovare un termine per definire quei turbamenti piacevoli che sempre più stanno coinvolgendo tutto il mio compatto mente-corpo.
Potrei definirli Emozioni, ma sarebbe troppo generico, poco appropriato.
Questi sono qualcosa di più..che mi sollecitano anche solo camminando per strada, vedendo un monumento o un semplice cartello stradale, tanto da stamparmi un sorriso ingenuo che non mi fa affato sembrar un’ idiota.

Tre giorni fa è stato il mio compleanno. Io che a differenza di Aurora, che nel suo post iniziava già da 15 giorni prima il conto alla rovescia  per tale ricorrenza,(precisando che lei è nata il mio stesso giorno), volevo che il 16 settembre non arrivasse mai.

Non arrivasse per non essere avvolta, in quel giorno più che mai, da quella solitudine che mi affianca in questo soggiorno Parigino.
E’ inutile negarlo, come all’ inizio di ogni grande avventura , io sto facendo i conti con due antagonisti-protagonisti-compagni che sono il Passato e la Solitudine. Essi stanno giocando un ruolo fondamentale, quasi volessero mettere alla prova la mia forza..ma io mi sto dimostrando più forte di loro.

Il giorno del mio comleanno è arrivato, l’ ho vissuto ed è passato, come tutto del resto (anzi è durato ben 3 giorni).
La “paura” è stata spazzata via dalla concretezza e dalla conferma o meglio dimostrazione: che io non sono mai stata sola, che qui non sono sola, e che degli sconosciuti-che poi in realtà sconosciuti non sono- non mi fanno sentire sola.
Tre giorni di festeggiamento, tre modalità di calore differenti in tempi e luoghi, hanno caratterizzato il Mio 16 Settembre 2008.

Non mi soffermo a raccontare, voglio solo ringraziare: grazie a TE che sei stato il regalo più grande seppur io non possa tenerlo sempre con me, grazie a Voi che nel vostro gesto apparentemente rituale avete fatto molto di più.
Grazie ad Aurora che è stata con me-seppur distanti-sin dallo scoccare della mezzanotte.

Annunci

Comments (1) »

Due mesi

Sono passati ben due mesi da quando ho scritto l’ ultima volta, non ho dimenticato perchè nulla si dimentica.

Ho avuto cosi tante cose da fare che trovare una frazione di secondo per dedicarmi solo ed interamente al mio blog mi è stato impossibile.

Parigi– Non ho abbandonato le lenti prese in prestito dalla piccola Heidi, ma al contrario, esse si sono adattate alla mia pupilla aumentando le loro potenzialità: qui tutto assume una dimensione incantevole, ed io come una bambina che con i suoi piccoli grandi occhioni inizia a focalizzare per la prima volta, mi sto lasciando incantare.

Ma poi pensandoci bene, cosa sono due mesi? Semplicemente un tempo istituzionalizzato.
Cosa sono in realtà due mesi? Il tempo che corre, che in maniera esplicita o implicita cattura o respinge tutto ciò che ha incontrato-visto-toccato-cancellato-provato.

Sono solo due mesi.

Comments (1) »

Per un paio di mutandine

La censura indetta nel novembre 2007 dal Ministero della Cultura di Ankara sulle rappresentazioni di Heidi ha suscitato i dibattiti e le reazioni più varie in tutto il mondo.

Per poter essere messo in commercio e dare a tutti i bambini, di nuova e vecchia generazione, la possibilità di leggerlo, in Turchia Heidi deve rispettare dei canoni, deve adattarsi.
E le critiche più dure stanno proprio alla base di questo termine: coprirle le mutandine bianche che si intravedono mentre corre tra i prati, nasconderle le caratteristiche guancette rosse, tagliarle lo sguardo, non sono criteri per una possibile inclusione in una civiltà che priva la donna di mostrare la sua sua vera essenza ( e su questo argomento preferisco non cimentarmi), ma vanno a modificare la figura stessa della bambina libera e spensierata che è Heidi.

A parer mio, il libro della Spyri pubblicato dalla casa produttrice turca Karanfin, segue delle linee completamente divese da quelle guida del romanzo cristiano, andando a disegnare e costruire un figura che in nessuna maniera si avvicina a quella di Heidi.

Heidi islamizzata non è Heidi.

Leave a comment »

Heidi e Guglielmo Tell: seguaci della libertà

Più volte nelle mie immersioni virtuali nel mondo di Heidi mi è capitato di incontrare il nome “Guglielmo Tell”, sul cui bigliettino da visita è ben stampata la professione di “eroe nazionale svizzero”.
Devo dir la verità, prima di trovarlo in un contesto di conflittualità sul primato di notorietà svizzera che lo vedeva affiancato a Heidi, io il nome “Guglielmo Tell” non l’ avevo mai sentito nominare, scusate la mia ignoranza ma apprezzate la mia sincerità.

La sua esistenza storica è ancora in disputa, ma la sua biografia è da sempre ben profilata: Guglielmo Tell visse nel Canton Uri, avente come capoluogo Altdorf; arciere dalle grandi doti e che tutti stimavano, uomo pieno di un unico amore, quello per il figlio.

Ma su quali basi due figure cosi tanto diverse come Guglielmo Tell e Heidi-mediante uno sguardo superficiale-vengono messe in paragone o addirittura sulla stessa linea?

Questi due personaggi sono l’ icona di quella libertà nazionale della quale solo la popolazione svizzera può vantare, non solo liberazione dalla Svizzera originaria ( per tradizione è avvenuta il 1 gennaio del 1308 in seguito al famoso “tiro alla mela”) che fa di Guglielmo Tell il creatore, ma anche libertà intesa come filosofia di vita, una vita libera da ogni processo di urbanizzazione della quale si è fatta portavoce ufficiale Heidi.

Entrambi divenuti miti globali grazie all’ “alimentazione mediale“, che ha fatto di questi due personaggi immaginari o meglio costruiti,delle vere e proprie figure da adorare ( anche se la reale esistenza di Guglielmo Tell è in bilico tra fiaba e realtà).

Leave a comment »

Heidi: nella memoria

Chiunque decide di assentarsi qualche giorno dal lavoro, o si reca ad Heidiland utilizzando le ferie retribuite, lo fà perchè è spinto da quel meccanismo della memoria che seleziona Heidi tra le cose da ricordare e dunque non da dimenticare.

Heidi è da ricordare!!

Quando la Spyri ha scrittoo il suo primo libro destinato alla lettura per bambini, nascondendosi dietro uno spseudonimo, inconsciamente ha assunto il ruolo non solo di scrittrice ma di portavoce critica della situazione in via di mutazione che si stava profilando in Svizzera in quel momento: la vita alpina in netta opposizone con quella nuova cittadina.

Il successo di questo romanzo è stato immediato, agevolato dai vari adattamenti che hanno previsto diverse forme e lingue; ma la gente che più si è sentita coinvolta facendo di Heidi l’ emblema della propria nazione è stata proprio la popolazione svizzera, che non solo ha deciso di ricordare Heidi ma le ha perfino costruito un habitat su misura nella propria memoria collettiva, che trova in ogni abitante alpino la propria specificità.

Una memoria collettiva che si è andata a “sgretolare” in quel sociale, che che fà sempre più dell’ astrattezza e della contingenza i propri capisaldi, trovando oggi collocazione in una memoria ben più ampia: la memoria sociale appunto.

I media in questa “frammentazione” hanno giocato un ruolo fondamentale:non solo hanno selezionato per NOI ciò che deve essere ricordato e ciò che invece è destinato ad essere archiviato nel dimenticatoio, ma si presentano essi stessi “produttori della nostra” memoria.

Questo argomento specificamente studiato potete approfondirlo online mediante il blog La memoria delle cose, altrimenti vi rimando al libro Memoria e comunicazione, di Roberta Bartoletti.

Comments (1) »

Heidiland: ricorso alla nostalgia

Oltre alla mercificazione delle emozioni, il mercato turistico si avvale di un altro sentimento come occasione per la propria economia: la nostalgia.

Ma che cos’ è la nostalgia? Utilizzare il termine sentimento per definirla è inappropriato, infatti essa compare per la prima volta nel XVII secolo per indicare quella strana patologia che stava colpendo un numero sempre più crescente di persone.
Una malattia della mente causata dalla gran voglia di tornare a casa, un allontanamento sentito in maniera persistente innanzitutto dai marinai e dai soldati che abbandonavano la propria patria per difenderla, successivamente ha contaminato anche i servi e i domestici, che in cerca di un mezzo di sostentamento, abbandonano la campagna per andare in città.

Una malattia non più solo della mente, ma anche del corpo.
La cura per questa malattia ormai di portata sociale? Il ritorno a casa, ma nel XIV secolo si comprende che pur ricorrendo a questa soluzione, non si guariva: la nostalgia è un male incurabile.

Tutti siamo nostalgici, soprattutto in questa società moderna, tutti confidiamo in un ritorno alla casa perduta, che non deve essere intesa come un luogo concreto, ma ideale, un luogo del senso.

Heidiland, ha saputo ben sfruttare questa sensazione di disagio, ed è andata a ricostruire la casa mitica di Heidi, la casa di un passato ben distante dall’ attuale urbanizzazione , con altrettanti modi di vivere.

Il mercato ha fatto della nostalgia una risorsa mediante il processo di mercificazione, Heidiland offre un ritorno alla casa perduta-pur non essendo mai esistita- a tutti coloro che ne sentissero l’ esigenza.

L’ esigenza di “rivivere” un mondo naturale, respirare aria pura non contaminata dallo smog, goder del cinguettio degli uccellini senza alcun suono artificiale.

In questo contesto la nostalgia intesa come malessere individuale, diviene semplice nostalgia di maniera, che fa di tutti gli elementi costitutivi di Heidiland delle merci della nostagia.

Le fonti da cui sto attingendo le mie informazioni, ma che soprattutto offrono le basi per il mio studio, provengono tutte da una stessa penna; per ulteriori approfondimenti consiglio di leggere il libro “Memoria e comunicazione” 2007, scritto da Roberta Bartoletti, al quale allego e suggerisco il blog La memoria delle cose.

Leave a comment »

Heidiland alimentata dai media

Heidiland esiste perchè esistono i media, essa è una loro creazione, anzi è stata prodotta dalle loro creazioni. Sembra uno scioglilingua ma è la verità.

La mia domanda nel post precedente, voleva indurre ad un tentativo di riflessione: un luogo come Heidiland non è mai esistito, le storie narrate che vengono concretizzate sottoforma di performance in questo villaggio non hanno dei personaggi reali, come mai esistita è la simulazione di vita interpretata dagli attori che accolgono i turisti.

Però questo luogo esiste: è nell’ immaginario di tutti coloro che almeno una volta hanno letto il romanzo o visto un episodio del film o anime di Heidi.
Questo immagianario è andato a sovrapporsi a quello di un colletivo ben determinato, che l’ industria turistica ha saputo ben sfruttare per creare nuove opportunità per il proprio mercato.

Heidiland è prettamente supportata dai media, che grazie ai vari adattamenti susseguitesi nel corso degli anni tanto da renderla oggi giorno un personaggio moderno, ha dato la possibilità ovvero l’ occasione all’economia turistica di creare un luogo capace di offrire modi di essere ed emozioni di un passato esso stesso immaginario.

Heidiland non è mai esistita, ma chi si reca in questa regione sulle orme della piccola Heidi pur essendo consapevole di tale ricostruzione, viene immediatamente immerso in questo mondo reale, in grado di donare emozioni vere di un tempo mai esistito.

Per ulteriori approfondimenti, rimando alla fonte delle mie informazioni “Sulle tracce di una invenzione. Viaggi e pellegrinaggi mediatici” scritto da Roberta Bartoletti pubblicato nel 2003 su Golem l’ indispensabile.

Leave a comment »