Posts tagged memoria

Heidi: nella memoria

Chiunque decide di assentarsi qualche giorno dal lavoro, o si reca ad Heidiland utilizzando le ferie retribuite, lo fà perchè è spinto da quel meccanismo della memoria che seleziona Heidi tra le cose da ricordare e dunque non da dimenticare.

Heidi è da ricordare!!

Quando la Spyri ha scrittoo il suo primo libro destinato alla lettura per bambini, nascondendosi dietro uno spseudonimo, inconsciamente ha assunto il ruolo non solo di scrittrice ma di portavoce critica della situazione in via di mutazione che si stava profilando in Svizzera in quel momento: la vita alpina in netta opposizone con quella nuova cittadina.

Il successo di questo romanzo è stato immediato, agevolato dai vari adattamenti che hanno previsto diverse forme e lingue; ma la gente che più si è sentita coinvolta facendo di Heidi l’ emblema della propria nazione è stata proprio la popolazione svizzera, che non solo ha deciso di ricordare Heidi ma le ha perfino costruito un habitat su misura nella propria memoria collettiva, che trova in ogni abitante alpino la propria specificità.

Una memoria collettiva che si è andata a “sgretolare” in quel sociale, che che fà sempre più dell’ astrattezza e della contingenza i propri capisaldi, trovando oggi collocazione in una memoria ben più ampia: la memoria sociale appunto.

I media in questa “frammentazione” hanno giocato un ruolo fondamentale:non solo hanno selezionato per NOI ciò che deve essere ricordato e ciò che invece è destinato ad essere archiviato nel dimenticatoio, ma si presentano essi stessi “produttori della nostra” memoria.

Questo argomento specificamente studiato potete approfondirlo online mediante il blog La memoria delle cose, altrimenti vi rimando al libro Memoria e comunicazione, di Roberta Bartoletti.

Annunci

Comments (1) »